Frase di: Alexandre Dumas padre – n° 26

Era circa la metà di maggio dell’anno 1660, alle nove del mattino, quando una piccola cavalcata composta di tre uomini e due paggi, attraverso il ponte della città di Blois, senza fare altra impressione sopra coloro che passeggiavano sulla riva che un primo moto della mano per salutare, ed un altro della lingua per esprimere la seguente idea “Ecco Monsignore che ritorna dalla caccia”. Un altro. Però mentre i cavalli salivano l’erta che dal fiume conduce al castello, molti garzoni di bottega si avvicinarono all’ultimo cavallo che portava appesi all’arcione della sella vari uccelli legati per il becco.



Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *