Frase di: Andrea Scanzi – n° 40

Poi lo vidi a Melbourne 2008. Oh, amici miei, se non l’avete visto o non lo ricordate nella semifinale con Nadal, vuol dire che avete sempre fatto l’amore solo su Second Life e ad occhi chiusi. Vuol dire che non sapete niente di tennis. Tsonga, quel giorno, fu folgore e tuono, incendiò e devastò, visse e generò redenzione. Uno scintillio di bellezza, di carisma, di veemenza agonistica, come non se ne vedevano da decenni.



Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *