Frase di: Erri De Luca – n° 107

Nelle mie scritture sono debitore di voci, le ascolto in una parte interna dell’orecchio, negli ossicini del labirinto, dove pure ritrovo le persone assenti. In un posto del mio orecchio si incontrano i membri di un’assemblea del passato, i lontani. Non so decidere, neanche voglio, se vengono per surriscaldamento dell’immaginazione oppure sono visite vere. La mia pagina le accoglie senza chiedere documenti.



Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *