Frase di: Massimo Fini – n° 9

Paul Tibbets è il pilota che sganciò l’atomica su Hiroshima. Nel 1985 un giornalista del The Columbus Dispatch, Mike Harden, lo intervistò e, alla luce delle spaventose conseguenze di quella Bomba, gli chiese: «Lo rifarebbe oggi?». «Certo» rispose «Sono stato educato alla disciplina. Ai miei tempi se uno riceveva un ordine da chi ne aveva l’autorità, obbediva». Non capisco perché quello che, a quel tempo, valeva per Paul Tibbets non dovesse valere anche per Erich Priebke. Perché gli americani la guerra l’hanno vinta e i tedeschi persa? […] Se Priebke si fosse rifiutato di obbedire a Kappler sarebbe stato un eroe. Ma non era Salvo D’Acquisto, non era un eroe. Era un uomo dallo spessore intellettuale e morale di un domestico che vestiva un’uniforme da soldato. E vorrei proprio vedere fra coloro, giornalisti, opinionisti, conduttori televisivi, che oggi fanno tanto i muscolari e le ‘anime belle’ chi, nel 1944, avrebbe osato resistere a un ordine che veniva direttamente da Adolf Hitler.

[da Il Fatto Quotidiano, 26 ottobre 2013]



Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *