Frase di: Paul Valéry – n° 26

Anna che in bianco drappo si avvolge e abbandona | i dormenti capelli sugli occhi male aperti, | contempla le sue braccia mollemente adagiate | sulla pelle incolore del ventre discoperto. || Ella vuota, ella riempie d’ombra il suo petto lento, | e come un ricordo che preme le sue carni, | una bocca spezzata e piena d’acqua ardente | svolge il sapore immenso ed il riflesso dei mari. || Alfine in abbandono, libera d’esser nuova, | l’addormentata sola dall’ombre colorate | fluttua sul grigio letto e con un labbro riarso | nella tenebra sugge un soffio amaro di fiore. || E sul lenzuolo dove increspa l’alba insensibile, | cade, d’un braccio gelido sfiorato di carminio, | la rilassata mano cui sfugge la delizia | tra le sue dita ignude spogliate dall’umano. (da Anna)



Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *