Frase di: Paul Valéry – n° 4

Estate, roccia d’aria pura, e tu, ardente alveare, | o mare! Sparso ovunque in mille mosche sopra | i cespi di una carne fresca come una brocca, | e fino nella bocca dove ronza l’azzurro, || e, casa ardente, Spazio, caro Spazio tranquillo, | dove l’albero fuma e perde qualche uccello, | ed infinitamente vi si rompe il rumore | del mare, e del moto e delle turbe d’acque, || conche d’odori, grandi cerchi delle felici | stirpi sul golfo che corrode e che ascende al sole, | nidi puri, cascate d’erbe, ombre d’onde cave, | cullate la fanciulla immersa in un fondo sonno. (da Estate)



Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *