Frase di: Walt Whitman – n° 32

Superba musica della tempesta, raffiche che andate così veloci e libere, sibilando per le praterie forte frusciare delle vette degli alberi nella foresta – vento delle montagne fosche forme personificate – voi nascoste orchestre, serenate di fantasmi dai vigilanti strumenti, che mescolate col ritmo della Natura tutte le lingue delle nazioni voi accordi lasciati come da vasti musicisti – voi cori, voi danze religiose informi, libere – voi dall’Oriente tu mormorio dei fiumi, ruggito delle cataratte, voi suoni di distanti fucili con la cavalleria che galoppa, echi degli accampamenti con tutti i differenti richiami del trombettiere, affollandovi in tumulto, riempiendomi la tarda mezzanotte, assoggettandomi impotente, entrando nella mia solitaria camera da letto, perché mi avete afferrato così?



Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *